Fam: EricaceeOrigine : Cina , Giappone Fiorisce : Primavera EstateCosto medio : 25€

Azalea coltivata come pianta da vaso e’ una specie molto ricca di varietà e appartiene al genere Rhododendon: si tratta di rhododendon simsii originario della cina. E’ un arbusto sempreverde tondeggiante, alta circa cm.45; è una pianta longeva e per lo più rustica, i cui fiori coloratissimi sbocciano durante l’inverno, intorno a Natale E’ abbastanza facile da coltivare . I suoi fiori increspati semplici o doppi si formano all’estremita dei rami , riuniti in gruppi di 2-5 , in un’ampia gamma di colori tenui o vivaci.

Tecnica Colturale

In primavera -estate l’azalea va tenuta in un terriccio di torba pura , o in un miscuglio di torba, sabbia grossolana ,terriccio di foglie e terriccio di giardino non calcareo, in parti uguali . L’acqua dell’innaffiatura non deve essere calcarea , e se possibile utilizzare acqua piovana. tenere comunque sempre la pianta con una esposizione a mezz’ombra e non direttamente al sole. Verso metà primavera la fioritura è quasi terminata quindi si tolgono tutti i fiori ormai appassiti e si asportano i rami che sono diventati troppo lunghi , si raccomanda comunque su di una potatura sempre leggera. Durante l’estate la pianta se in vaso può restare in casa sempre in buona luce ma non esposta ai raggi solari, qualora all’aperto assicurarsi sempre che il sole non danneggi le foglie , assicurandosi sempre di mantenere la composta leggermente umida.

In Autunno- Inverno è bene riportare in casa la pianta se è in vaso , adattandola ad una temperatura di circa 15°assicurandosi di un buon ricambio d’aria e se ancora la temperatura tende a salire si spruzzerà la chioma almeno una volta al giorno con acua non calcarea. Durante la fioritura è bene somministrare un fertilizzante specifico per piante da fiore , possibilmente liquido ogni 2 settimane.

Curiosità

Nel linguaggio dei fiori e delle piante le azalee simboleggiano: nei paesi orientali, la femminilità e la fortuna, è infatti di uso comune regalare un’azalea a chiunque deve affrontare una prova importante; nei paesi occidentali in generale rappresentano la gioia improvvisa e la felicità misteriosa, ma se l’azalea è di colore rosso simboleggia la vendetta mentre, se si regalano delle azalee gialle vuol dire che si reputa la persona a cui la si regala falsa

Moltiplicazione

In giugno si prelevano talee semilegnose lunghe 7-8 cm lasciando attaccato un pezzetto di corteccia del ramo portante . Si piantano trattando la loro base con ormoni radicanti e si depongono in una cassetta con terriccio , ricoprendo poi con un un sacchetto di plastica per favorire la radicazione, la composta deve essere sempre umida e deve essere una parte di torba e 2 di sabbia.In circa 3-4 settimane dovrebbe avvenire la radicazione .

Malattie frequenti

Foglie e boccioli che appassiscono e diventano marroni indicano una temperatura tropo elevata ed inoltre la pianta potrebbe non ricevere sufficientemente acqua alle radici, quindi immergete la pianta per circa 20 minuti in una bacinella di acqua e poi lasciatela sgrondare quindi spostare la pianta in un luogo più fresco , qualora invece la pianta si trova in giardino provvedete a fare una piccola buca vicino le radici e quindi irrigatela senza mai far ristagnare l’acqua.

Se invece le gemme restano verdi ma i fiori non si aprono significa che la pianta è esposta ad una corrente di aria troppo fredda oppure può essere il terriccio troppo impevuto di acqua

La presenza di segni bianchi sulle foglie e dovuta alle larve minatrici delle foglie e si possono combattere con specifici insetticidi.

Phytopthora, è forse il problema più grave che può colpire questa pianta infatti questo fungo può risultare anche fatale qualora non si interviene tempestivamente . Come accorgersene? Dapprima le foglie si decolorano e quindi una mattina all’improvviso arriviamo e troviamo una grande cascola di foglie , bene a questo livello la malattia ha già fatto il suo danno e sono sufficienti anche solo 15 gg affinchè ogni intervento risulti inutile. Per combattere questa malattia e assolutamente indispensabile non lasciare mai la pianta in contenitori con sottovasi sempre colmi , e se ci troviamo in giardino prima di metterla a dimora effettuate un buon drenaggio utilizzando magari grossi ciottoli o meglio ancora argilla espansa. Ai primi sospetti della malattia immediatamente provvediamo a disinfettare il terreno con prodotti reperibili in green center.